bio

"As coisas não querem mais ser vistas por pessoas razoáveis"

Manoel de Barros


Brasiliano, nato a Salvador, Max Fonseca è un artista visivo e giornalista. Le sue opere comprendono tra le altre cose la fotografia, la pittura, l’illustrazione, l’arte di strada e poesia.

Ha vissuto per due anni a Luanda (Angola) tra il 2013 e il 2015. Questa esperienza l’ha influenzato nella creazione di un'identità visiva che mescola il suo bagaglio culturale brasiliano con una serie di simbologie che ha assorbito e riflesso dalla società angolana.

Nella sua fotografia il taglio è prettamente produrre serie che raccontino un po' dello stile di vita delle persone che incrocia. Attualmente, sta sviluppando una ricerca sull'estetica della favela di Salvador che si sviluppa attraverso diverse discipline artistiche (poesia, fotografia, illustrazione, graffiti).

Il suo rapporto con le arti ha inizio nel periodo dell'adolescenza e comincia con la poesia, quando è stato uno dei redattori della rivista letteraria indipendente Na Borda da Xícara (2007). Nel 2011 è stato uno dei vincitori del IV National Canon Prize of Poetry.

Commercialmente, Max lavora con foto, video e design. Nel campo della fotografia, ha una vasta esperienza con spettacoli e photoshooting di madri in dolce attesa. In ambito video, ha lavorato come cameraman e montatore. Nel design, lavora principalmente nel settore grafico.



EMAIL       INSTAGRAM